Visualizzazioni totali

venerdì 20 marzo 2009

Lasciatemi divertire di Aldo Palazzeschi

In modo polemico e provocatorio il poeta prende in giro chi, in passato, ha composto poesie serie, rispettando ogni regola. Palazzeschi rivendica la libertà di trasgredire tutte le norme. La poesia, dice, non ha più nulla da offrire agli uomini; i tempi sono cambiati, la vecchia poesia è morta: lasciatemi divertire!

Tri tri tri,
fru fru fru,
ihu ihu ihu,
uhi uhi uhi!

Il poeta si diverte,
pazzamente,
smisuratamente!
Non lo state a insolentire,
lasciatelo divertire
poveretto,
queste piccole corbellerie
sono il suo diletto.


Cucù rurù,
rurù cucù,
cuccuccurucù!

Cosa sono queste indecenze?
Queste strofe bisbetiche?
Licenze, licenze,
licenze poetiche!
Sono la mia passione.

Farafarafarafa,
tarataratarata,
paraparaparapa,
laralaralarala!

Sapete cosa sono?
Sono robe avanzate,
non sono grullerie,
sono la spazzatura
delle altre poesie

Bubububu,
fufufufu.
Friu!
Friu!

Ma se d'un qualunque nesso
son prive,
perché le scrive
quel fesso?


bilobilobilobilobilo
blum!
Filofilofilofilofilo
flum!
Bilolù. Filolù.
U.


Non è vero che non voglion dire,
voglion dire qualcosa.
Voglion dire...
come quando uno
si mette a cantare
senza saper le parole.
Una cosa molto volgare.
Ebbene, così mi piace di fare.


Aaaaa!
Eeeee!
Iiiii!
Ooooo!
Uuuuu!
A! E! I! O! U!


Ma giovanotto,
ditemi un poco una cosa,
non è la vostra una posa,
di voler con così poco
tenere alimentato
un sì gran foco?


Huisc...Huiusc...
Sciu sciu sciu,
koku koku koku.


Ma come si deve fare a capire?
Avete delle belle pretese,
sembra ormai che scriviate in giapponese.


Abì, alì, alarì.
Riririri!
Ri.


Lasciate pure che si sbizzarrisca,
anzi è bene che non la finisca.
Il divertimento gli costerà caro,
gli daranno del somaro.


Labala
falala
falala
eppoi lala.
Lalala lalala.


Certo è un azzardo un po' forte,
scrivere delle cose così,
che ci son professori oggidì
a tutte le porte.


Ahahahahahahah!
Ahahahahahahah!
Ahahahahahahah!


Infine io ò pienamente ragione,
i tempi sono molto cambiati,
gli uomini non dimandano
più nulla dai poeti,
e lasciatemi divertire!

8 commenti:

nadia 71 ha detto...

sei imppazzita o in preda all'isterismo acuto ed io che ti ammiro per il tuo equilibrio

IL CIGNO ha detto...

No,probabilmente oggi ha ricevuto una bella notizia. Anzi sono sicuro

il cacciatore ha detto...

Attento cigno spero che tu non sia quello dell'ultimo canto!!!

jenny ha detto...

veramente divertente spero che l'altro giorno l'hai capito che certi argomenti mi fanno vedere rosso!!

charmel ha detto...

Io allora che vedo sempre"rosso"dappertutto,sarà una malattia?
Nadia vorrei sapere quali sono i parametri dell'equilibrio per te,ho soltanto pubblicato una poesia di uno scrittore famoso...non penserai che Palazzeschi era pazzo?
E anche se fosse?"I MATTI SONO SEMPRE FELICI",come dice un amica mia.

charmel ha detto...

Niente belle notizie per ora...non capisco questa sicurezza ....solo amarezza...
impregnata dalla dissolutezza e dalla stoltezza,completata con un pizzico di demenza,che suscita la mia impazienza.

charmel ha detto...

Cigno,attento a cantare......

il cigno ha detto...

Non canto.Aspetto la stagione dell'amore prima di farlo.