Visualizzazioni totali

martedì 31 marzo 2009

LE FAVOLE DI ESOPO E DI FEDRO


Cari amici delle cause buone e della libertà, vedo che alcuni di voi cominciano ad uscire dai binari, lasciandosi confondere dai lupi mannari.
Alcuni bisticciano in famiglia, altri attizzano gli istinti primordiali, mostrando i muscoli e i loro potenziali. Scherzar li nobili al potere, coi loro simili animali vi porta più lontano che usare i tribunali.
Già prima dei romani, usavano la favola vivendo più contenti, così se la ridevano in baffo ai prepotenti.

L’inventore della favola è considerato Esopo, uno scrittore greco vissuto nel VI secolo a.C., da cui prese ispirazione il poeta latino Fedro, vissuto nel I secolo d.C. Le sue favole si presentano con uno stile breve ed essenziale, alla fine hanno una breve morale. Esopo ha un suo carattere particolare: mediante le sue divertenti storie mette in luce pregi e difetti degli uomini con intenzione educativa e bonariamente satirica. I personaggi delle favole antiche sono animali, che rappresentano alcuni comportamenti degli uomini, i loro vizi e le loro virtù; gli animali delle favole pensano e si comportano come esseri umani e come questi hanno caratteristiche positive e negative. Il ricorso al mondo animale è dettato anche dall’esigenza di comunicare messaggi che in maniera esplicita non potevano essere diffusi in periodi storici caratterizzati da regimi totalitari, come nella Roma imperiale. E allora gustatevi queste due favole dell'antichità ma più che mani attuali.


--------------------------------------------------------------------------------
Una favola di Fedro: LA CORNACCHIA E LA PECORA.

--------------------------------------------------------------------------------
“L’odiosa cornacchia si posò sulla schiena di una pecora e con il becco la tormentò e la picchiò a lungo. –Se tu andassi a fare questi sgarbi al cane - sospirò la pecora – li pagheresti cari!
Ben per questo non vado da lui, ma vengo da te – rispose pronta la cornacchia.
– I dispetti li faccio ai deboli, con i potenti sono ossequiosa: campo cent’anni!”

La cornacchia di questa favola raffigura, da un lato la prepotenza esercitata nei confronti dei più deboli e dall’altro il servilismo di fronte ai potenti.


--------------------------------------------------------------------------------
Una favola di Esopo: LE VESPE, LE PERNICI E IL CONTADINO

--------------------------------------------------------------------------------

Vespe e pernici, afflitte dalla sete, andarono da un contadino a chiedergli da bere, promettendo che, in cambio dell’acqua, gli avrebbero resi questi servizi:
le pernici, di zappargli la vigna,
e le vespe, di tener lontani i ladri con i loro pungiglioni, facendovi la guardia tutt’attorno.
Il contadino rispose: “Ma io ho due buoi, che non promettono nulla e mi fanno tutto; dunque è meglio che dia da bere a loro che a voi”.

La favola va bene per certi uomini rovinosi che, promettendo di aiutarci, ci recano gravi danni.

il vostro Pascolo

Read more: "LE FAVOLE DI ESOPO E DI FEDRO | Agricoltura ticinese" - http://agriticino.splinder.com

sabato 28 marzo 2009

"una razza in estinzione" di Giorgio Gaber.

Non mi piace la finta allegria
Non sopporto neanche le cene in compagnia
E coi giovani sono intransigente
Di certe mode, canzoni e trasgressioni
Non me ne frega niente.
E sono anche un po' annoiato
Da chi ci fa la morale
Ed esalta come sacra la vita coniugale
E poi ci sono i gay che han tutte le ragioni
Ma io non riesco a tollerare
Le loro esibizioni.

Non mi piace chi è solidale
E fa il professionista del sociale
Ma chi specula su chi è malato
Su disabili, tossici e anziani
È un vero criminale.
Ma non vedo più nessuno che s'incazza
Tra tutti gli assuefatti della nuova razza
E chi si inventa un bel Partito
Per il nostro bene
Sembra proprio destinato
A diventare un buffone.

Ma forse sono io che faccio parte
Di una razza
In estinzione.

La mia generazione ha visto
Le strade, le piazze gremite
Di gente appassionata
Sicura di ridare un senso alla propria vita
Ma ormai son tutte cose del secolo scorso
La mia generazione ha perso.

Non mi piace la troppa informazione
Odio anche i giornali e la televisione
La cultura per le masse è un'idiozia
La fila coi panini davanti ai musei
Mi fa malinconia.
E la tecnologia ci porterà lontano
Ma non c'è più nessuno che sappia l'italiano
C'è di buono che la scuola
Si aggiorna con urgenza
E con tutti i nuovi quiz
Ci garantisce l'ignoranza.

Non mi piace nessuna ideologia
Non faccio neanche il tifo per la democrazia
Di gente che ha da dire ce n'è tanta
La qualità non è richiesta
È il numero che conta.
E anche il mio Paese mi piace sempre meno
Non credo più all'ingegno del popolo italiano
Dove ogni intellettuale fa opinione
Ma se lo guardi bene
È il solito coglione.

Ma forse sono io che faccio parte
Di una razza
In estinzione.

La mia generazione ha visto
Migliaia di ragazzi pronti a tutto
Che stavano cercando
Magari con un po' di presunzione
Di cambiare il mondo.
Possiamo raccontarlo ai figli
Senza alcun rimorso
Ma la mia generazione ha perso.

Non mi piace il mercato globale
Che è il paradiso di ogni multinazionale
E un domani state pur tranquilli
Ci saranno sempre più poveri e più ricchi
Ma tutti più imbecilli.
E immagino un futuro
Senza alcun rimedio
Una specie di massa
Senza più individuo
E vedo il nostro Stato
Che è pavido e impotente
È sempre più allo sfascio
E non gliene frega niente
E vedo una Chiesa
Che incalza più che mai
Io vorrei che sprofondasse
Con tutti i Papi e i Giubilei.

Ma questa è un'astrazione
È un'idea di chi appartiene
A una razza
In estinzione.

Onesti d'Italia,uniamoci!Mettiamo alla gogna i farabutti.


Questa pagina serve a rendere pubbliche le generalità di chi campa truffando e raggirando, ma la fa sempre franca.
La necessità di post nasce dalla costatazione della deriva comportamentale di persone, gruppi, Istituzioni. È degenerazione questa che regna in ogni strato della società: truffe, raggiri, illegalità di ogni tipo sono per di più implicitamente incoraggiati dallo Stato stesso, dove politici e politicanti (sempre più spesso nel doppio ruolo di pregiudicati) da tempo immemore infangano morale e valori e coprono di sberleffi le persone oneste con il continuo susseguirsi di indulti, condoni, grazie, amnistie, per non parlare delle recenti leggi “ad personam”. Culturalmente l’Italiano è incentivato all’illegalità: chi non commette reati è “più fesso”, perché in un modo o nell’altro il malfattore la fa sempre franca. È il momento di alzare la testa della decenza e della legalità.
Sicuramente questa mia proposta non potrà fermare i professionisti del crimine “d’alto bordo”, ma per lo meno ambisce a suscitare una reazione, prima di tutto psicologica e poi fattuale, con l’obiettivo di innalzare una rete tra “poveri cristi”, tra i vessati, gli sventurati, i colpiti dalla scure del furbo che può fregare l'onesto con gli sporchi accordi tra truffatori.
No, non si tratta di denuncia personale sospinta da incoffessabile tornaconto, ma di un gesto altruistico, di autodifesa del povero cittadino che paga sempre per le angherie dei malfattori e dei prepotenti.

Niente è come sembra-Franco Battiato

Teatro, voci nel deserto - Video - Repubblica Tv - la Repubblica.it

Teatro, voci nel deserto - Video - Repubblica Tv - la Repubblica.it: "Teatro, voci nel deserto(26 marzo 2009)
Happening improvvisati in mezzo alla strada per dimostrare che è ancora possibile fare teatro civile"

venerdì 27 marzo 2009

Degli episodi hanno fatto riflettere,alcuni studiosi che hanno messo a punto la tesi che la catastrofe potrebbe verificarsi tra breve a Paternò.


Sodoma e Gomorra
Ecco l'interessante resoconto di come si arrivò a capire come avvenne la distruzione di Sodoma e Gomorra e delle altre città della valle di Siddim (informazioni tratte dal libro "La Bibbia aveva ragione" di Werner Keller - pp. 68-75). Le "cinque città della pianura", citate nella Bibbia, fra cui Sodoma e Gomorra, erano iscritte su una tavoletta dell'archivio del palazzo di Ebla (nella Siria del Nord) addirittura nella stesso ordine di Genesi 14:2. Una conferma importante, perché si diceva che non erano mai esistite, perché non se ne trovavano i resti.

La scelta di Catone Uticense,per essere finalmente "liberi".


Morte di Catone Uticense
Traduzione de: "Morte di Catone Uticense" di Seneca

Perché non dovrei raccontare (lett. racconterei) che egli in quella notte leggeva un libro di Platone con la spada accanto al capo? Nell’ ultimo momento egli si era procurato questi due strumenti: uno per voler morire, l’altro per potere (morire). Sistemata quindi la situazione (lett. sistemate le cose), come poteva essere una situazione estrema e incontrastabile, pensò di dover agire così, affinché a nessuno o fosse lecito uccidere Catone o (affinché nessuno) toccasse di salvarlo. E impugnata la spada che fino a quel giorno aveva mantenuta incontaminata da ogni delitto:”Niente “disse” hai ottenuto, o Fortuna, ostacolando tutti i miei tentativi. Io ho combattuto fino ad adesso non per la mia ma per la libertà della patria, né agivo con tanta forza d'animo per vivere libero ma per vivere tra uomini liberi; ora poiché le sorti degli umani sono senza speranza, Catone sia portato in luogo sicuro”. Si inflisse quindi una ferita mortale sul corpo.

giovedì 26 marzo 2009


Beppe Grillo - Ecco cosa fanno gli inceneritori

Vaglielo a dire a quelli che ci vogliono fare il"termovalorizzatore"dietro casa.

Lo psiconano colpisce e infierisce ancora ..speriamo che abbia anche stavolta il coraggio di ritrattare


Berlusconi: «I licenziati trovino qualcosa da fare»
Il premier a Napoli: «La situazione è difficile, ma io non me ne starei con le mani in mano»
Silvio Berlusconi (Ansa)ROMA - «Auspico che chi è stato licenziato si trovi qualcosa da fare. Io non starei con le mani in mano». Lo dice Silvio Berlusconi conversando con i giornalisti all'Hotel Vesuvio a Napoli, dove si trova per l'inaugurazione del termovalorizzatore di Acerra. A proposito dei lavoratori della Fiat di Pomigliano (in giornata c'è stato l'incontro tra il premier e una delegazione delle rappresentanze sindacali), il Cavaliere promette di aprire «un tavolo a Palazzo Chigi affinché si arrivi innanzitutto ad un prolungamento della cassa integrazione». SITUAZIONE DIFFICILE - «È una situazione veramente difficile» osserva il premier. «Io - aggiunge Berlusconi riferendosi alla situazione in generale - spero che si faccia di tutto affinché non si lasci nessuno a casa. Anche gli imprenditori si devono inventare qualcosa», sottolinea il Cavaliere. «Ci sono tante ricette - spiega - ma nessuno ha una cura precisa. Deve lavorare di più chi ha la possibilità di farlo» ribadisce il presidente del Consiglio, che si dice contrario alla proposta della settimana corta così come auspicata dalla cancelliera tedesca Angela Merkel.
Ora mi chiedo io,ma non era nei tuoi piani, nel tuo programma elettorale, trovare lavoro a chi se ne sta con le mani in mano,magari per colpa tua e dei tuoi raccomandati?
E chi è stato licenziato come fa a trovare la ricetta giusta,visto che non esiste una per emergere dal "nulla" che tu e i tuoi discepoli avete creato?

mercoledì 25 marzo 2009

LA FATTORIA DEGLI ANIMALI di George Orwell P1

Il messaggio della favola, la sua morale, è che qualunque rivoluzione che si proponga di instaurare un'utopia è destinata a fallire e a trasformarsi in tragedia.Infatti, tutto il potere corrompe, e il potere assoluto corrompe in modo assoluto.

Oggi racconto una favola.....


IL TAGLIALEGNA ED ERMES
A un taglialegna cadde l’accetta nel fiume presso cui stava lavorando. Non sapendo che fare, si mise a piangere, seduto sulla sponda. Ermes, saputa la ragione del suo pianto, si impietosì; fece un tuffo nel fiume e portò su un accetta d’oro, chiedendogli se era quella che aveva perduto. L’uomo rispose dl no, ed Ermes, tuffatosi di nuovo, ne portò sù una d’argento; e poiché l’uomo dichiarava che non era nemmeno quella, si tuffò una terza volta e gli portò fuori la sua. Allora il taglialegna disse che si trattava veramente di quella che aveva perduta, ed Ermes, soddisfatto della sua onestà, gliele diede tutte e tre. Il boscaiolo, ritornato tra gli amici, raccontò loro l’accaduto, e uno di essi pensò di poterne ricavare un uguale profitto. Andò al fiume, gettò a bella posta la sua accetta nell’acqua e poi si sedette lì a piangere. Anche a lui comparve Ermes e, informatosi del motivo del suo pianto, si tuffò e portò sù a lui pure un’accetta d’oro, chiedendogli se era quella che aveva perduta. "Ma sì, certo che è quella!", rispose l’altro, esultante. Il dio, indignato di tanta sfacciataggine, non solo si tenne l’accetta d’oro, ma non gli riportò nemmeno la sua.
La favola mostra che la divinità è tanto propizia agli onesti quanto ostile ai disonesti.

Ancora io sto ancora aspettando che Ermes riemerga con la mia accetta,sarà annegato?

martedì 24 marzo 2009

La Tempesta

La Tempesta (Renè Magritte).

E' notte, una musica malinconica accompagna la lenta pioggia, ritmiche le gocce lasciano sui vetri sporchi ferite di diamante. La loro canzone sveglia l'anima mia addormentata, tendo l'orecchio al passato ascolto i tempi futuri che avanzano. Dal passato si innalzano i lamenti, nel futuro rimbombano i perchè, si avvicina la tempesta ed io l'attendo, le andrò incontro e niente mi bloccherà.

Auguri Franco.

Dipinto realizzato da Franco Battiato
Ieri sera al Bellini di Catania il mito ha suggellato il suo 64° compleanno

111. Le aquile non volano a stormi, de Franco Battiato

lunedì 23 marzo 2009

La maternità adesso viene concepita come la disabilità..




klimt (maternità)

Dopo le strisce bianche, le strisce gialle per gli invalidi, le strisce blu a pagamento, le strisce bianche/ residenti arrivano ....................Tataaaà!!- pensavate fosse uno scherzo eh? - le strisce rosa, per le donne incinte.E da chi viene promossa questa proposta?Ma naturalmente da una donna(?-?)?),in un consiglio comunale dove la rappresentanza femminile è davvero irrisoria,cosa va a pensare la nostra rappresentante?(Con tutti i problemi che affligono le donne,mobbing,discriminazioni di ogni genere,condizioni sociali di donne in difficoltà.)"LE strisce rosa"LE STRISCE ROSA!!!!!LE STRISCE ROSA!!!!! LE STRISCE ROSA!!!!!!!!!!!!!!Bene, ma perché solo per le donne incinte? Nel senso perché le donne solo incinte? Non è una domanda provocatoria: e quelle che hanno partorito da poco, col bambino nel passeggino? Insomma, estendiamolo alle mamme coi bambini fino ai due anni, suvvia. Ma e se quel giorno è il papà che porta il pargolo? Non sarebbe meglio identificare il parcheggio col bambino? Quindi donne incinte e bambi fino ai due anni? Meglio no? LA DONNA IN STATO DI GRAVIDANZA NON è INABILE!!!LA GRAVIDANZA NON è UNA MALATTIA è UNA CONDIZIONE FEMMINILE.
E però, scusate. Quando la nave sta affondando, prima le donne, i vecchi e i bambini. E i nonnini che faticano a camminare? Non sarebbe giusto dedicare anche a loro degli spazi riservati? Visto che le strisce bianche già ci sono, facciamole grigie. O, se è troppo politically scorrect, che so, verdi, basta che poi non siano prese d’assalto dai leghisti.

E speriamo che non si usino i cartelli che a Milano fanno il loro sfoggio,in cui si può leggere:"stallo per donne in Gravidanza",stallo,stallo,Stallo?Stallo? Lo stallo,se andiamo a cercare codesto termine troviamo: lo spazio predisposto per la mungitura delle mucche,alla faccia della elevazione culturale!
Accadde oggi: Fa campagna per i disabili poi frega loro il parcheggio
E facciamole quelle strisce gialle per terra!
Vietato commentare fuori dalla linea blu.
Non a-bus-iamo.
La dura vita dei ciclisti
Approfondimenti su questi argomenti alla prossima "striscia".

domenica 22 marzo 2009


E' in arrivo.....


La pay tv ,sta divorando il nostro tempo libero.


Dopo una una lunga settimana, passata ad attendere una pausa nella angusta vita di donne impegnate a sovvenire alle richieste di prole e co.,ecco che arriva il tanto agognato week-end,ma è tutto un bluff,tutta colpa della pay tv, che plagia la mente già notevolmente manomessa degli uomini, e cerca di fare dei mostri dei nostri figli.Io mi ricordo quando ero piccola, aspettavo con ansia le ore pomeridiane per vedere i miei beniamini, ma il tutto non si inoltrava dopo le7 di pomeriggio,adesso invece 24 ore non stop nei programmi dei bambini, forse la pay tv ha voluto darci una mano,visto che la società moderna si è dimenticata dei bambini non avendo molto tempo da dedicargli, catapulta questi ultimi nel mondo finto che i media hanno generato per i poveri bimbi dimenticati.
Il sabato pomeriggio sono gli uomini a incollarsi davanti la tv per la partita pomeridiana, poi i commenti delle trasmissioni sportive, le impressioni di ex giocatori frustrati, di comici televisivi che fanno da guard-rail alle sciocchezze che vengono pronunciate, quasi sempre a sproposito dalle ragazze coccodè che fanno da cornice al programma, ma non finisce qua!! La domenica si ricomincia alla grande fino a tarda notte con gli pseudo programmi sportivi incorniciati di squallide donne che sullo sgabello dove poggiano quello che hanno donato per potervici sedere,con le gonne che hanno in dotazione,altro che sport fanno vedere. Dove è andata a finire la mitica trsmissione"90° minuto"del giornalista sportivo per eccellenza Paolo Valenti,che adesso si starà rivoltando nella tomba?Perchè questa smania di prolungare le occasioni di svago televisive facendole diventare incubo,per chi vorrebbe più dialogo nei giorni che dovrebbero essere dedicati di più alla riflessione e al riposo?

venerdì 20 marzo 2009

Chi sono?

Óscar Domínguez
Son forse un poeta?
No, certo.
Non scrive che una parola, ben strana, la penna dell'anima mia:
"follia".
Son dunque un pittore?
Neanche.
Non ha che un colore la tavolozza dell'anima mia:
"malinconia".
Un musico, allora?
Nemmeno.
Non c'è che una nota
Nella tastiera dell'anima mia:
"nostalgia".
Son dunque...che cosa?
Io metto una lente
Davanti al mio cuore
per farlo vedere alla gente.
Chi sono?
Il saltimbanco dell'anima mia.

Aldo Palazzeschi
Lasciatemi divertire di Aldo Palazzeschi

In modo polemico e provocatorio il poeta prende in giro chi, in passato, ha composto poesie serie, rispettando ogni regola. Palazzeschi rivendica la libertà di trasgredire tutte le norme. La poesia, dice, non ha più nulla da offrire agli uomini; i tempi sono cambiati, la vecchia poesia è morta: lasciatemi divertire!

Tri tri tri,
fru fru fru,
ihu ihu ihu,
uhi uhi uhi!

Il poeta si diverte,
pazzamente,
smisuratamente!
Non lo state a insolentire,
lasciatelo divertire
poveretto,
queste piccole corbellerie
sono il suo diletto.


Cucù rurù,
rurù cucù,
cuccuccurucù!

Cosa sono queste indecenze?
Queste strofe bisbetiche?
Licenze, licenze,
licenze poetiche!
Sono la mia passione.

Farafarafarafa,
tarataratarata,
paraparaparapa,
laralaralarala!

Sapete cosa sono?
Sono robe avanzate,
non sono grullerie,
sono la spazzatura
delle altre poesie

Bubububu,
fufufufu.
Friu!
Friu!

Ma se d'un qualunque nesso
son prive,
perché le scrive
quel fesso?


bilobilobilobilobilo
blum!
Filofilofilofilofilo
flum!
Bilolù. Filolù.
U.


Non è vero che non voglion dire,
voglion dire qualcosa.
Voglion dire...
come quando uno
si mette a cantare
senza saper le parole.
Una cosa molto volgare.
Ebbene, così mi piace di fare.


Aaaaa!
Eeeee!
Iiiii!
Ooooo!
Uuuuu!
A! E! I! O! U!


Ma giovanotto,
ditemi un poco una cosa,
non è la vostra una posa,
di voler con così poco
tenere alimentato
un sì gran foco?


Huisc...Huiusc...
Sciu sciu sciu,
koku koku koku.


Ma come si deve fare a capire?
Avete delle belle pretese,
sembra ormai che scriviate in giapponese.


Abì, alì, alarì.
Riririri!
Ri.


Lasciate pure che si sbizzarrisca,
anzi è bene che non la finisca.
Il divertimento gli costerà caro,
gli daranno del somaro.


Labala
falala
falala
eppoi lala.
Lalala lalala.


Certo è un azzardo un po' forte,
scrivere delle cose così,
che ci son professori oggidì
a tutte le porte.


Ahahahahahahah!
Ahahahahahahah!
Ahahahahahahah!


Infine io ò pienamente ragione,
i tempi sono molto cambiati,
gli uomini non dimandano
più nulla dai poeti,
e lasciatemi divertire!

giovedì 19 marzo 2009

La corruzione

Il piccolo principe

Le cose che ho imparato nella vita


Testo
La Regina della Notte-R.Cocciante
Album Giulietta e Romeo

La regina della notte
fà sognare i sogni
entra nella testa degli amanti con amori
che non sono veri ma
il risveglio è triste come fosse per davvero un addio.
La regina della notte
fà mentire tutti
fa sognare cose vere ma che sono sogni
E chi dorme non lo sà che ci crede bene
tutto vero come niente lo è
Entra come amore nei cervelli innamorati
come le parcelle nei cervelli di avvocati
come la ferita di una gola aperta nella testa dei soldati.
La regina della notte
mette in testa i sogni
come ragni,come grilli,come le farfalle
e la testa se ne va
corre salta e vola dentro un mondo che non è la realta
entra come abbraccio nei cervelli piu eccitati
come merce viaggia nei cervelli commerciali
come un'altra storia,
come un'altra vita nei destini addormentati
La regina della notte
sveglia in testa i mostri,
brucia, sente, scioglie i cuori
dentro le passioni
per quei miti belli che
al risveglio piangi come fosse per davvero un'addio

YouTube - Renée Fleming-Plácido Domingo, Giá nella notte densa


mercoledì 18 marzo 2009

Renè magritte (Gli amanti)
Sei la mia schiavitù sei la mia libertà
sei la mia carne che brucia
come la nuda carne delle notti d'estate
sei la mia patria
tu, coi riflessi verdi dei tuoi occhi
tu, alto e vittorioso
sei la mia nostalgia
di saperti inaccessibile
nel momento stesso
in cui ti afferro

Nazim Hikmet
opera di Eugenio alfano "Un uomo e una donna" da www.libero pensiero.it

Le donne chi sono?


Ho un pensiero .................non credo che esista un'ideale, nè un carattere, nè un prototipo.
Tutto mi pare una grande bugia e non so se è la donna ad essere "Morgana",
capace di trasformismi, di apparire e stravolgere gli equilibri,
oppure sia il povero uomo la vittima dell'artificio, dell'illusione da lui stesso
sperata, cercata e poi creata.
Il fatto è, che sono le donne i veri uomini.

Razzismo, sessismo..non è altro che la frustrazione dell'uomo, per non essere nato donna


"Purtroppo il maschilismo si nasconde dietro ogni angolo, è subdolo a volte radicato nell'uomo in maniera quasi genetica. Meno male che però ogni tanto saltano fuori anche uomini diversi."Concordo sulla sua subdolezza, dovuta a motivi culturali (non direi genetici!), a radici profonde. I più gran maschilisti che ho conosciuto non ne erano per nulla coscienti, anzi esattamente al contrario predicavano di essere sottomessi totalmente alle proprie donne, così come lo è tutta l'umanità. Non mi sembra però radicato ovunque allo stesso modo: ho visto differenze abbastanza profonde, che si acuiscono nello scendere del livello culturale/sociale, ma neanche di troppo, direi solo in quanto a modi, poco in quanto a sostanza. Qualche mia cara amica esasperata, mi dice addirittura che anzichè "andare avanti" si sta "tornando indietro"... ahiahiahi...Prendete la seguente affermazione con le pinze: da questo punto di vista in certe zone del Sud Italia mi sembra quasi di essere fra certi mussulmani ... anche quando si parla di politica la donna sembra che sia scomoda,perchè gli uomini non vogliono venga invaso questo settore dove ancora si parla di "quote rosa",che vergogna!! Ok scusate il delirio che potrebbe sembrare quasi razzista: sto finendo di leggere:
"Mille splendidi soli" di Khaled Hosseini. trama :a quindici anni, Mariam non è mai stata a Herat. Dalla sua "kolba" di legno in cima alla collina, osserva i minareti in lontananza e attende con ansia l'arrivo del giovedì, il giorno in cui il padre le fa visita e le parla di poeti e giardini meravigliosi, di razzi che atterrano sulla luna e dei film che proietta nel suo cinema. Mariam vorrebbe avere le ali per raggiungere la casa del padre, dove lui non la porterà mai perché Mariam è una "harami", una bastarda, e sarebbe un'umiliazione per le sue tre mogli e i dieci figli legittimi ospitarla sotto lo stesso tetto. Vorrebbe anche andare a scuola, ma sarebbe inutile, le dice sua madre, come lucidare una sputacchiera. L'unica cosa che deve imparare è la sopportazione. Laila è nata a Kabul la notte della rivoluzione, nell'aprile del 1978. Aveva solo due anni quando i suoi fratelli si sono arruolati nella jihad. Per questo, il giorno del loro funerale, le è difficile piangere. Per Laila, il vero fratello è Tariq, il bambino dei vicini, che ha perso una gamba su una mina antiuomo ma sa difenderla dai dispetti dei coetanei; il compagno di giochi che le insegna le parolacce in pashtu e ogni sera le dà la buonanotte con segnali luminosi dalla finestra. Mariam e Laila non potrebbero essere più diverse, ma la guerra le farà incontrare in modo imprevedibile. Dall'intreccio di due destini, una storia che ripercorre la storia di un paese in cerca di pace, dove l'amicizia e l'amore sembrano ancora l'unica salvezza.

martedì 17 marzo 2009

Per qualche dollaro in più

La musica sta per finire,l'attesa sta per finire,per qualche dollaro in più,.......ne valeva la pena,indio attento......il monco sta con me......

lunedì 16 marzo 2009

A proposito di morte........




A livella
Ogn’anno, il due novembre, c’è l’usanza per i defunti andare al Cimitero. Ognuno ll’adda fa’ chesta crianza; ognuno adda tené chistu penziero. Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno di questa triste e mesta ricorrenza, anch’io ci vado, e con dei fiori adorno il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza . St’anno m’è capitata un’avventura...dopo di aver compiuto il triste omaggio(Madonna!), si ce penzo, che paura! Ma po’ facette un’anema e curaggio.‘O fatto è questo, statemi a sentire: s’avvicenava ll’ora d’ ‘a chiusura: io, tomo tomo, stavo per uscire buttando un occhio a qualche sepoltura.« QUI DORME IN PACE IL NOBILE MARCHESE SIGNORE DI ROVIGO E DI BELLUNO ARDIMENTOSO EROE DI MILLE IMPRESE MORTO L’11 MAGGIO DEL ’31 »‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto......sotto una croce fatta ‘e lampadine; tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:cannele, cannelotte e sei lumine. Proprio attaccata ‘a tomba ‘e stu signore ce steva ‘n’ata tomba piccerella, abbandunata, senza manco un fiore;pe’ segno, sulamente ‘na crucella. E ncoppa ‘a croce appena si leggeva:« ESPOSITO GENNARO NETTURBINO »Guardannola, che ppena me faceva stu muorto senza manco nu lumino! Questa è la vita! ‘Ncapo a me penzavo...Chi ha avuto tanto e chi nun ave niente! Stu povero maronna s’aspettavaca pure all’atu munno era pezzente? Mentre fantasticavo stu penziero,s’era già fatta quase mezzanotte,e i’ rummanette ‘nchiuso priggiuniero,muorto ‘e paura... annanze ‘e cannelotte.Tutto a ‘nu tratto, che veco a luntano? Ddoje ombre avvicenarse ‘a parta mia...Penzaje: stu fatto a me mme pare strano Stongo scetato... dormo, o è fantasia?A te che fantasia; era ‘o Marchese:c’ ‘o tubbo, ‘a caramella e c’ ‘o pastrano;chill’ato appriesso a isso un brutto arnese; tutto fetente e cu’ na scopa mmano. E chillo certamente è don Gennaro...‘o muorto puveriello... ‘o scupatore.‘Int’ a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:so’ muorte e se ritireno a chest’ora? Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,quando ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,s’avota e, tomo tomo... calmo calmo,dicette a don Gennaro: « Giovanotto! Vorrei saper da Voi, vile carogna,con quale ardire e come avete osato di farvi seppellir, per mia vergogna, accanto a me che sono un blasonato?La casta è casta e va, sì, rispettata,ma voi perdeste il senso e la misura;la vostra salma andava, sì, inumata;ma seppellita nella spazzatura! Ancora oltre sopportar non posso la vostra vicinanza puzzolente. Fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso tra i vostri pari, tra la vostra gente ».« Signor Marchese, nun è colpa mia, i’ nin v’avesse fatto chistu tuorto;mia moglie è stata a ffa’ sta fessaria, i’ che putevo fa’, i’ ero muorto? Si fosse vivo ve farrie cuntento,pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse,e proprio mo, obbj’... ‘nd’a stu mumentomme ne trasesse dinto a n’ata fossa ».« E cosa aspetti, oh turpe malcreato, che l’ira mia raggiunga l’eccedenza? Se io non fossi stato un titolatoavrei già dato piglio alla violenza! »« Famme vedé... - piglia sta violenza...‘A verità, Marché’, mme so’ scucciato‘e te sentì; e si perdo a pacienza,mme scordo ca so’ muorto e so’ mazzate!...ma chi te cride d’essere... nu ddio? Ccà dinto, ‘o vvuò capì, ca simmo eguale?......Muorto si’ tu e muorto so’ pur’io;ognuno comme a ‘n’ato è tale e qquale ».« Lurido porco!... Come ti permetti paragonarti a me ch’ebbi natali illustri nobilissimi e perfetti;da fare invidia a Principi Reali? »« Tu qua’ Natale... Pasca e Ppifania!!!T’ ‘o vvuo mettere ‘ncapo... ‘int’ ‘a cervellache staje malato ancora ‘e fantasia?...‘A morte ‘o ssaje ched’è?... è una livella. ‘Nu rre, ‘nu magistrato, ‘nu grand’ommo, trasenno stu canciello ha fatt’ ‘o puntoc’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme: tu non t’hé fatto ancora chistu cunto? Perciò, stamme a ssentì... nun fa’ ‘o restivo suppuorteme vicino - che te ‘mporta? Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:nuje simmo serie, appartenimmo â morte. »
(Totò)

Un film per riflettere.......


William Parrish è un uomo che ha tutto dalla vita: denaro, successo e una splendida famiglia. La sua idilliaca realtà viene improvvisamente sconvolta dall'arrivo di uno sconosciuto. Quest'ultimo è la Morte, venuta sulla Terra perché incuriosito dall'emozioni riguardo all'amore decantate da Bill, che alla fine del viaggio porterà con sè. La morte viene presentata da Bill come Joe Black che subito viene apprezzato dalla famiglia. La secondogenita di Bill, Susan, aveva conosciuto il ragazzo di cui la Morte ha preso il corpo e aveva iniziato a provare qualche sentimento nei suoi confronti. Susan però non riconosce in Joe il dolce giovane che aveva incontrato alla tavola calda e se ne allontana; trascorrendo del tempo assieme a lui, però, impara ad apprezzarlo e inizia così una grande storia d'amore. Nel frattempo Bill è stato estromesso dal CdA ad opera di Drew, l'ex fidanzato di Susan, che voleva attuare una fusione con un'altra azienda. Arriva il giorno della festa di compleanno di Bill, che conicide con la data che Joe aveva stabilito per tornare nell'aldilà, con una variante rispetto all'inizio della vicenda: portare insieme a lui, oltre che Bill, anche Susan. L'uomo, sconvolto da questa rivelazione, tenta di far capire a Joe che cos'è il vero amore e che Susan ha una vita davanti e non è giusto portargliela via. Toccato dalle parole di Bill, Joe cambia idea e dice addio a Susan. Il padre della ragazza riesce a smascherare lo sporco gioco di Drew e a riacquisire il controllo della sua azienda, abbraccia entrambe le figlie e raggiunge Joe ringraziandolo per aver fatto vivere a Susan le emozioni dell'amore, questo ricambia e insieme si allontano. Susan tenta di raggiungerli ma incontra quello che solo apparentemente è Joe. Infatti il ragazzo è colui che aveva incontrato una mattina alla tavola calda. Susan capisce che non si tratta di Joe ma accetta di vivere questa nuova situazione, triste (per la perdita del padre e del suo amoroso) e un po' speranzosa di riprovare l'emozione dell'amore.

L'attesa del tenente Drogo......


Con la vita continuano, e diventano più impellenti , tutte le attese che, e noi lo ignoriamo, nascondono un’altra attesa e un’altra ancora, come in un gioco di matrioske.
Fissiamo appuntamenti, controlliamo il calendario, annotiamo sull’agenda i nostri programmi, le scadenze, i progetti. Attendiamo sempre che arrivi qualcosa, in quel tempo che abbiamo definito come dimensione esterna e in cui collochiamo tutto quello che ci accade, che è andato via, che, forse, arriverà. In realtà, quel tempo nel quale ci muoviamo è una pura invenzione. E’ una nostra invenzione. Il tempo, al di fuori di noi, non esiste. Noi abbiamo inventato le ore e gli orologi, i giorni, i mesi, gli anni, i calendari, le stagioni.
…. senza nulla che passi non esisterebbe un tempo passato; senza nulla che venga non esisterebbe un tempo futuro; senza che nulla esista non esisterebbe il tempo presente. Due, dunque, di questi tempi, il passato e il futuro, come esistono dal momento dal momento che il primo non è più, il secondo non è ancora? E quanto al presente, per essere tempo, senza tradursi in passato, come possiamo dire di esso che esiste, se la ragione per cui esiste è che non esisterà? Quindi non possiamo parlare con verità di esistenza del tempo se non in quanto tende a non esistere. (S. Agostino, Le confessioni).
Noi non siamo più quella creaturina che attendeva di tuffarsi nella vita. I nostri occhi hanno visto tante cose, hanno pianto, hanno sorriso. Abbiamo creato una famiglia o siamo rimasti soli, e il nostro corpo è andato invecchiando, sempre nell’attesa di qualcosa. Abbiamo aspettato l’amore, un posto di lavoro, una promozione, un viaggio. Poi aspettiamo di andare in pensione, di riposarci.
Quelle cadenze interiori che chiamiamo tempo hanno rallentato il loro ritmo, non abbiamo più il vigore di una volta e, come il tenente Drogo abbiamo passato la vita nell’attesa di qualcosa, non sapendo che alla fine di tutte le attese, altro non c’è che la morte.
A Drogo parrà di vedere o vedrà davvero i Tartari ma, nel frattempo, tutta la sua vita è andata consumandosi in quell’attesa e non gli restano, ormai, che gli spiccioli di un sogno.
Ma l’’inutile’ attesa è anche ciò che ci dà forza per perseguire i nostri sogni, anche se, alla fine, non ci saranno più attese né sogni.
E scopriremo che ‘vola il tempo , lo sai che vola e va, forse non ce ne accorgiamo, ma più ancora del tempo che non ha età, siamo noi che passiamo. ( da Valzer per un amore, di Fabrizio De Andrè).
Giovanni Drogo è il protagonista dell’indimenticabile Il deserto dei Tartari di Dino Buzzati.

domenica 15 marzo 2009

Avviso per i naviganti...


Se non ti piace quello che ho scritto,


RISPARMIA il tuo TEMPO



e il MIO........

Ringrazio Momma per aver ispirato questo mio pensiero.










sabato 14 marzo 2009

Vincent Van Gogh "Notte Stellata"


YouTube - Francesco Guccini - Cirano

YouTube - Francesco Guccini - Cirano
Venite pure avanti, voi con il naso corto, signori imbellettati, io più non vi sopporto,infilerò la penna ben dentro al vostro orgoglio perchè con questa spada vi uccido quando voglio.Venite pure avanti poeti sgangherati, inutili cantanti di giorni sciagurati, buffoni che campate di versi senza forza avrete soldi e gloria, ma non avete scorza; godetevi il successo, godete finchè dura, che il pubblico è ammaestrato e non vi fa paura e andate chissà dove per non pagar le tasse col ghigno e l' ignoranza dei primi della classe.Io sono solo un povero cadetto di Guascogna, però non la sopporto la gente che non sogna. Gli orpelli? L'arrivismo? All' amo non abbocco e al fin della licenza io non perdono e tocco, io non perdono, non perdono e tocco! Facciamola finita, venite tutti avanti nuovi protagonisti, politici rampanti, venite portaborse, ruffiani e mezze calze, feroci conduttori di trasmissioni false che avete spesso fatto del qualunquismo un arte, coraggio liberisti, buttate giù le carte tanto ci sarà sempre chi pagherà le spese in questo benedetto, assurdo bel paese. Non me ne frega niente se anch' io sono sbagliato, spiacere è il mio piacere, io amo essere odiato;coi furbi e i prepotenti da sempre mi balocco e al fin della licenza io non perdono e tocco, io non perdono, non perdono e tocco! Ma quando sono solo con questo naso al piede che almeno di mezz' ora da sempre mi precede si spegne la mia rabbia e ricordo con dolore che a me è quasi proibito il sogno di un amore; non so quante ne ho amate, non so quante ne ho avute, per colpa o per destino le donne le ho perdute e quando sento il peso d' essere sempre solo mi chiudo in casa e scrivo e scrivendo mi consolo, ma dentro di me sento che il grande amore esiste, amo senza peccato, amo, ma sono tristeperchè Rossana è bella, siamo così diversi, a parlarle non riesco: le parlerò coi versi, le parlerò coi versi... Venite gente vuota, facciamola finita, voi preti che vendete a tutti un' altra vita; se c'è, come voi dite, un Dio nell' infinito, guardatevi nel cuore, l' avete già tradito e voi materialisti, col vostro chiodo fisso, che Dio è morto e l' uomo è solo in questo abisso, le verità cercate per terra, da maiali, tenetevi le ghiande, lasciatemi le ali; tornate a casa nani, levatevi davanti, per la mia rabbia enorme mi servono giganti. Ai dogmi e ai pregiudizi da sempre non abbocco e al fin della licenza io non perdono e tocco, io non perdono, non perdono e tocco! Io tocco i miei nemici col naso e con la spada, ma in questa vita oggi non trovo più la strada. Non voglio rassegnarmi ad essere cattivo, tu sola puoi salvarmi, tu sola e te lo scrivo: dev' esserci, lo sento, in terra o in cielo un posto dove non soffriremo e tutto sarà giusto. Non ridere, ti prego, di queste mie parole, io sono solo un' ombra e tu, Rossana, il sole, ma tu, lo so, non ridi, dolcissima signora ed io non mi nascondo sotto la tua dimora perchè oramai lo sento, non ho sofferto invano, se mi ami come sono, per sempre tuo, per sempre tuo, per sempre tuo...Cirano.

"Privo di titolo".


Ho imparato che la guerra si puo` raccontare in un modo solo, che e` una specie di esercizio: quando guardate le foto di questa guerra sui giornali, provate a mettere al posto delle facce di questi bambini, al posto di queste case, al posto di questo paese, i vostri bambini, la vostra casa, il vostro paese. Fate un fotomontaggio immaginario: questo e` la guerra.
Il brano e` tratto da un'intervista rilasciata a Carta da Gino Strada, chirurgo di guerra e fondatore di Emergency
La vignetta e`stata disegnata per Emergency da Vauro Senesi, inviato de il manifesto in Afghanistan, Palestina, Iraq ...

YouTube - June Anderson, Queen of the Night in AMADEUS


venerdì 13 marzo 2009


Domani e domenica in centro Il peluche Stella aiuta Uildm a raccogliere fondi In Bra e in piazza Erbe le postazioni dei volontariL’Unione italiana lotta alla distrofia muscolare (Uildm) di Verona partecipa all’iniziativa nazionale, che interessa 500 piazze italiane, per la raccolta di fondi da destinare alla ricerca e al sostegno di Nemo, sigla che sta per NeuroMuscularOmnicentre, il Centro clinico ad alta specializzazione dedicato esclusivamente alle malattie neuromuscolari inaugurato nei mesi scorsi all’ospedale Niguarda di Milano e gestito dalla Fondazione Serena della quale Uildm è tra i soci fondatori. L’ospedale è un punto di riferimento per tutte le persone affette da distrofia muscolare e per le loro famiglie. Il Centro rappresenta uno degli obiettivi principali della Uildm, in particolare per quanto riguarda il potenziamento della sua area dedicata ai pazienti più piccoli.In questo senso va ad esempio l’accordo siglato con la Fondazione Amici Ematologia Talamona di Cornaredo (Milano) che già da tempo fornisce ospitalità nelle proprie strutture ai familiari e agli accompagnatori durante il periodo di diagnostica, riabilitazione e terapia ambulatoriale o in day hospital nei Centri specialistici di Milano. E così si farà anche per Nemo.A Verona domani e domenica saranno allestiti due banchetti dai volontari Uildm sul Liston, in piazza Bra, angolo con via Mazzini, e in piazza Erbe, angolo via Pellicciai, dalle 8 alle 20. Inoltre sabato, dalle 10 alle 13, gli alunni dell’istituto Aleardo Aleardi, da anni sostenitori di Uildm, collaboreranno alla raccolta di fondi. Alle persone che vorranno sostenere l’iniziativa di Uildm con un’offerta sarà proposta Stella, una simpatica farfalla di peluche contenente delle caramelle. L’iniziativa si svolge in collaborazione con Avis e Telethon che da tempo operano con Uildm per la raccolta di fondi destinata alla ricerca sulle malattie neuromuscolari e su quelle del sangue.Chi invece volesse offrire un contributo in altro modo può inviare un sms al 48548 donando 2 euro da telefoni Tim, Vodafone, Wind oppure 2 o 5 euro chiamando da telefono fisso Telecom Italia. Inoltre si può inviare il proprio contributo con un versamento sul conto corrente 68595743 indicando nella causale UILDM Giornata Nazionale.Ulteriori informazioni sulle inziative dell’associazione si trovano nel sito Internet http://www.uildm.org./


Sensibilizziamo i nostri figli da piccoli a partecipare a grandi inziative,non plasmiamoli come il mondo li vuole, ma allarghiamo i loro orizzonti con piccoli gesti che cresceranno con loro per diventare con loro grandi speranze per un futuro migliore.

Oltre le barriere

Ascoltate l'ultimo testo della colonna sonora di questo video è azzeccatissimo!



SCUOLA: E ORA, CHI SI RICORDA DEI DISABILI ?
Post n°23 pubblicato il 11 Marzo 2009 da ugualmenteabile

Tag: istituzioni, l'opinione, leggi.integrazione

Di Peppe Musto
In questi giorni dopo c’e un dibattito molto accesso sulla nuova riforma della scuola , tagli al personale docente, grembiuli si grembiuli no ,chi più ne ha più ne metta.
Premesso che non si vuole fare nessuna questione politica di destra o di sinistra ,ma far emergere solo un problema sociale .
Mi domando e chiedo come influirà sui bambini disabili questa riforma ? anche se il Ministro ha ribadito piu volte che gli insegnanti di sostegno non verranno toccati , credo che in questa baraonda d’inizio anno scolastico qualche disagio se visto ,come trasmesso in qualche servizio proposto dai tg nazionali .
La prima preoccupazione che emerge è che oltre al danno ci sia pure la beffa ,al disagio dovuto ad una disabilita si aggiunga pure questo e vada ha farsi benedire tutto il discorso dell’integrazione sociale .
La seconda preoccupazione è quella che si vada verso una vecchia logica di scuole differenziate che non servono a nulla, ma solo a ghettizzare chi e debole , non solo perchè è diversamente abile, ma anche perchè in questa società si tenda di nascondere i problemi in un contesto dove conta molto l’immagine .
Fonte http://www.informazione.campania.it/ ( pubblicato il 25/10/2008)

www.disabileforum.com

"Son De Mar"di Bigas Luna.Film che aiutano a riflettere.


Il ritorno di Ulisse ©Arianna Papini

Ulises (Mollà); giovane insegnante di lettere da poco trasferito in una cittadina della costa mediterranea, viene attratto dalla bellezza di Martina (Watling). I due si innamorano velocemente e decidono di sposarsi, nonostante la pressante corte che la ragazza subisce da parte del ricchissimo Sierra (Fernandez). Dopo aver avuto un figlio però Ulises comincia a dar segni di insoddisfazione. Un giorno la barca con cui era uscito in mare viene ritrovata abbandonata alle onde, mentre di lui non c’è traccia. Dato per morto l’amato Martina finisce per cedere alle lusinghe di Sierra, rassegnandosi a sposarlo. Ma a distanza di quattro anni Ulises ricompare, spiegandole di essere semplicemente fuggito: i due riallacceranno in clandestinità la loro storia d’amore , ma la vendetta di Sierra sarà spietata e inappellabile.
Scilla e Cariddi. “Son de mar” rappresenta l’ennesima variazione sul tema del melodramma, storia di un amore bruciante, totale e nondimeno contrastato tra un uomo e una donna. Tra due mondi lontani, fatti però della stessa sostanza e tuttavia destinati ad incrociarsi e mischiarsi per poi inevitabilmente sciogliersi e dissolversi. Ulises e Martina incarnano un modo di vivere l’amore: un sentimento fatto di cibo (pretesto per il quale si conoscono); musica (quella che Martina fa ballare a Ulises, quella che lui le insegna) e prima ancora corpo, istinto e pulsione recondita, vero perno del loro rapporto. Non di parole: i due parlano poco, scegliendo piuttosto il sesso come veicolo di comunicazione (a tale proposito è emblematica la pressocchè totale assenza e inconsistenza di spiegazioni verbali da parte di Ulises dopo un silenzio di quattro anni, distacco colmato ancora una volta, inevitabilmente, con il contatto fisico). Le uniche parole pregnanti non sono dette, ma lette o recitate (quindi non sono proprie, pur utilizzate per esprimere la propria dimensione interiore): quelle dell’ “Eneide” che lui le legge in occasione del loro primo incontro e soprattutto quelle dell’ “Odissea” ripetute ossessivamente per tutto il film, scandendo gli amplessi e le riconciliazioni della coppia. Il passo omerico citato riguarda la descrizione da parte dell’eroe del suo incontro con Scilla e Cariddi, i due spaventosi mostri marini posti alle estremità dello stretto di Messina per stritolare e dilaniare i viaggiatori che lì avessero deciso di avventurarsi. I serpenti dalle immense volute non lasciavano scampo al viandante, sul quale ineluttabile si richiudevano le acque.
Se Omero salva Ulisse, restituendolo alla sua Itaca, nel canto XXVI della “Divina Commedia” Dante affonda l’imbarcazione dell’uomo e la sua ciurma: è la stessa sorte che attende i due amanti del film, avvinghiati dai mostri generati da un amore puro solo inizialmente e poi insano, corrotto dal dubbio, corroso dal tempo, consunto dal rimpianto. Le parole dell’opera omerica se pronunciate nella prima parte del film assumono valore quasi prolettico, anticipando come si evolverà la vicenda, che ne sarà dei personaggi e del loro amore (senza dimenticare che tutto il film è strutturato in flashback, dato che già la prima sequenza ci mostra il corpo senza vita di Ulises, e che la leggenda raccontata da Martina suona subito come una profezia). Spettri di ritorni e d’amore sommersi. Un amore condannato a morte, come coloro che si sono imbarcati sulla “Martina” prima, sulla “Son de mar” poi: è la chiatta de “L’atalante” di Jean Vigo, l’unico angolo al mondo dove i due giovani possano rifugiarsi, dove possano vivere finalmente il proprio amore. Ma è un’imbarcazione in cui è stata praticata una falla: e non dall’antagonista Sierra, bensì da Ulises stesso, dalla sua insaziabile sete di conoscenza, dall’ansia di sperimentazione, dall’inquietudine di avvertire dei limiti. Sulla “Son de mar” Sierra ha introdotto anche un alligatore, ennesimo mostro anfibio, suo ideale alter-ego: nella sequenza iniziale lo abbiamo visto boccheggiare, sospinto dopo il naufragio sulla spiaggia e lì arenatosi. Anche per Sierra, come per Martina e Ulises, vi è un unico destino, naturalmente di sconfitta, di morte, anche lui è stato travolto dal loro amore e spazzato via, senza che questo costituisca la giusta punizione per un’effettiva cattiva condotta.
Egli non ha colpe particolari se non quella di essersi abbandonato pure lui ad una tale passione da perdere, come il suo coccodrillo, la capacità di orientarsi e di contrastare le onde. La sequenza (abbastanza pregevole in realtà) dell’affondamento dell’imbarcazione segna l’inabissarsi di un mondo di tracciati individuali che finiscono per incrociarsi e condizionarsi vicendevolmente in un’ottica quasi kieslowskiana, chiudendo un cerchio e riallacciandosi con l’incipit del film (probabilmente ispirato ad un’altra storia d’amore impossibile, “Il fantasma e la signora Muir” di Joseph L. Mankiewicz, e cos’è Ulises una volta riapparso nella vita di Martina se non un fantasma appunto, come dice anche Sierra?); che ne svela dal principio il vero, assoluto protagonista, il mare, un elemento spesso associato all’idea umana dell’infinito, esattamente come l’amore. E’ il mare che scorre eternamente in mezzo a Scilla e Cariddi, lo stesso che separa Martina e Ulises: quando lui decide di seguirlo, attraversando “tutti gli oceani del mondo” per capire ciò che già avrebbe dovuto sapere, quando entrambi scelgono di intraprenderlo, fuggendo incontro alla morte che li dividerà definitivamente. Infine tutta l’acqua di quattro anni smarriti per strada, un mare di incomunicabilità solo sondato in un appartamento-prigione e mai sconfitto del tutto, un diluvio universale che possa lavare gli uomini dai propri peccati. Bigas Luna ha autorizzato per questo film a parlare dell’inaugurazione di una cosiddetta “fase bianca” all’interno della sua produzione, contraddistinta da un’iniziale “fase nera” (“Caniche”, “Angoscia”) e da una successiva “fase rossa". Come il regista stesso sottolinea è il percorso inverso rispetto a quello di Goya, che da tele molto luminose passò a tonalità più scure. Bigas Luna ha quasi sempre firmato la sceneggiatura dei suoi film: “Son de mar” è invece tratto dal romanzo omonimo di Manuel Vicente, vincitore nel 1998 del Premio Alfaguara, che contiene molte delle ossessioni del regista quali il sesso,il cibo e la morte.

Caetano Veloso.

Caetano Maravilhoso interprete ... magnifico artista ,,, magnifica interpretacion ...y como ya dijo alonso "Un caballero de fina estampa" divino ... ...
Un estilo de angel ... incomparable !!!
2001 - Parla con lei (Hable con ella) di Pedro Almodovar

giovedì 12 marzo 2009

"Una casa di bambola"Di henrik Ibsen



"UNA CASA DI BAMBOLA" DI Henrik Ibsen
Scelte di una donna tra menzogne ed ovattate realtà
“Casa di bambola” fotografa con precisione la società borghese Ottocentesca, mostrando come dietro una facciata di armonia coniugale e supposti buoni sentimenti, emerga una realtà dominata dal denaro, dal lavoro, dall’ansia della carriera e dall’affermazione sociale.
Nora è una giovane donna avvenente che trascorre una vita matrimoniale felice, un pò frivola, ma felice.Ben presto però questa tranquillità si dimostra pura apparenza e la protagonista è costretta a scontare i suoi “peccati”.
Appare, infatti, nel suo sicuro focolare domestico un uomo meschino, Krogstad, che incomincia a ricattarla perché anni prima le aveva fornito una ingente somma di denaro e aveva scoperto che la donna aveva falsificato la firma del padre sull’obbligazione che le avrebbe permesso di richiedere un prestito,perchè il marito improvvisamente si ammala e lei è costretta a ricoprire le spese ingenti.La protagonista è sconvolta dalle pretese di quest’uomo, che le chiede di influenzare il marito Helmer e di assicurargli un’ascesa professionale, e, nella paura di essere scoperta, utilizza tutte le sue arti seduttive, ma inutilmente.
Henrik Ibsen è uno dei padri fondatori della drammaturgia europea e in questa opera, tra momenti di brio e bagliori di angoscia, rappresenta il genere umano, scrutandolo nei suoi conflitti interiori e nel dramma personale. Nora, con fantasia , costruisce la sua esistenza irradiando chi le è vicino, ma è anche una donna bambina, capricciosa e viziata, che tra danze, risa, piccole menzogne e gentilezze, riesce a giocare con la vita, con le persone ed anche con se stessa. Il suo desiderio di magia e la sua passione la portano ad innalzare il marito ad eroe ed a trasformare una grave falsificazione in un atto di martirio e coraggio. In realtà la protagonista è simbolo di una società venale e materialista, che dimostra nei discorsi e nelle azioni come le ricchezze segnino le svolte esistenziali, distruggano sogni e futuro, conducano verso una devastante superficialità.
Per anni Nora è stata inneggiata come emblema del movimento femminista perché decide di ribellarsi all’egoismo di Helmer e di abbandonare casa e figli alla ricerca della sua individualità, ma in verità la protagonista fugge da una realtà che non rispetta la trama fantasiosa intessuta nella sua mente. Nora è “una lodola”, un “lucherino sventato”, un “uccellino canoro”, una bambola che permette al marito di pretenderne il possesso, di ricevere da lei solo gioia e tranquillità, senza condividere problemi e angustie; ma Nora è anche una donna che sceglie di non liberarsi da quella maschera che indossa ormai da troppo tempo, preferendo scappare, vinta da un sogno romantico irrealizzato, piuttosto che combattere la cruda realtà con la risolutezza necessaria.
La grandezza di questo dramma non è stata inizialmente compresa ed apprezzata; la sua pubblicazione nel 1887 ha suscitato scalpore e censure poiché veniva intaccato dal profondo il mondo borghese e sciva dissacrato il valore della famiglia.Inoltre la scelta definitiva di Nora appariva impopolare e sciattamente priva di lieto fine.

YouTube - Pavarotti E lucevan le stelle

Magritte, "la page blanche"
YouTube - Pavarotti E lucevan le stelle: "Pavarotti E lucevan le stelle"

Le scimmie, come le donne sono cattive perchè brutte


Le scimmie frustrate e cattive subiscono stress da subordinazione e questo le fa imbruttire. Uno studio ha scoperto che tra i primati la bruttezza, e tanto, è correlata alla gerarchia sociale. Le donne brutte sono più cattive? Non sono le uniche: ci sono anche le femmine di scimmia Rhesus che sfogano la frustrazione di essere socialmente subordinate cattiverie e angherie a tutte le ore. Siete tra le donne brutte che durante la giornata si "consolano" con violenze psicologiche nei confronti delle colleghe più belle, perchè frustrate e brutte? Oppure vi alzate di notte in preda a improvvise voglie di essere cattive? Ringraziate di non essere nate scimmie perché per le femmine di Macaca mulatta, (o scimmia Rhesus) la passione per la cattiveria dovuta alla eccessiva bruttezza. Ben di peggio: uno studio della Emory University di Atlanta (Georgia, Usa) ha dimostrato infatti che le femmine Rhesus più "brutte" sono quelle socialmente subordinate, sottomesse. In una parola, frustrate. Brutte e frustrate. Monitorando la tipologia di cattiveria da parte di una serie di femmine che, all'interno delle rigide gerarchie del gruppo, occupano posizioni dominanti o subordinate, i ricercatori hanno scoperto che se le prime sono cattive solo durante le ore di luce, le seconde lo sono molto più a tutte le ore. Insomma, hanno gli attacchi di rabbia notturni. Al di là di ogni parallelo, secondo gli scienziati è chiaro che è lo stress da subordinazione sociale a motivare un comportamento di questo tipo. Ora però si tratta di dimostralo. Il prossimo passo sarà infatti quello di determinare le basi chimiche di questo comportamento "ossessivo", in particolare esaminando le aree cerebrali associate alla percezione del piacere.

YouTube - Maria Callas Trovatore: Tacea la notte placida - 1950

(L'impero della luce) Renè magritte
YouTube - Maria Callas Trovatore: Tacea la notte placida - 1950: "Maria Callas Trovatore: Tacea la notte placida - 1950"
Siamo nei giardini del palazzo. È notte. Una notte in cui "dense nubi coprono la luna" come scrive Verdi nel libretto. Leonora e Ines passeggiano. Leonora è triste perché da tempo non vede l’uomo che ama. Alle domande di Ines, Leonora spiega che la prima volta l’ha visto ad un torneo. Poi, dopo la guerra civile, una notte aveva sentito il canto di un uomo e, corsa al balcone aveva riconosciuto la figura del suo Trovatore. Ecco il racconto di Leonora.
Libretto
Tacea la notte placida e bella in ciel sereno la luna il viso argenteo mostrava lieto e pieno...Quando suonar per l’aere,infino allor sì muto,dolci s’udiro e flebili gli accordi d’un lïuto,e versi melanconici un Torvator cantò.Versi di prece ed umile qual d’uom che prega Iddio in quella ripeteasi un nome... il nome mio!...Corsi al veron sollecita...Egli era! Egli era desso!...Gioia provai che agli angeli solo è provar concesso!...Al core, al guardo estatico la terra un ciel sembrò.

mercoledì 11 marzo 2009

Attenti a certi pesci


Oggi per caso,andando alla ricerca di esemplari marini con mio figlio che è un appassionato di questi ultimi, mi sono imbattuta in un pesce molto particolare,il pesce leone.
I Pesci Leone sono parenti degli Scorfani azzurri e dei Pesci Pietro e/o Scorpione e con loro condividono la sinistra fama di pesci con aculei velenosi. Ne esistono varie specie. Sono molto attivi di notte ma non è difficile incontrarli di giorno nei pressi degli anfratti del corallo/roccia dove sonnecchiano spesso a testa all'in giù per reintengrare le "Forze"perdute. Evitare assolutamente di toccarli (di giorno sono quasi immobili con lo sguardo fisso e non scappano !). Attenzione anche quando si entra in acqua: alcuni esemplari si possono incontrare sotto dei sassi in 15 cm di acqua ! Se non si toccano, come quasi tutti gli animali, sono dei comuni incontri ottimi per scattare delle belle foto. Attratte da questo pesce di solito sono le cozze, che si avvinghiano nei suoi aculei per trarne beneficio, infatti esse si nutrono del veleno contenuto negli aculei per difendersi in caso di attacchi da parte del pesce giudice, un pesce molto ghiotto di crostacei. In caso di puntura: chiamare i carabinieri , sciacquare la parte in acqua salata (MAI in acqua dolce) , immergere la parte colpita in acqua molto calda (40-45 gradi per un'ora o più) e togliere gli eventuali aculei dalla pelle con una pinzetta...disinfettare la parte.
Quindi attenzione ci sono stati dei casi di avvelenamento,da tenere in considerazione,casi di intossicazioni che possono durare anche quattro anni.

martedì 10 marzo 2009

YouTube - The3tenors-Carreras-Domingo-Pavarotti--Nessun Dorma

Renè Magritte"Sera"

L'uomo una specie in via d'estinzione?


Adesso per "par condicio" non mi rimane che parlare degli aspetti che caratterizzano una specie molto diffusa nel nostro pianeta,"l'uomo",cercheremo di delineare gli aspetti predominanti che caratterizzano la specie.
Ad esempio avete mai osservato l'esemplare quando si muove nel branco,nelle serate organizzate dai "primati" in questione,in pizzeria,nei luoghi di aggregazione sociale in generale, ma cosa fanno, cosa dicono quando l'esemplare femmina non è con loro?
Innanzi tutto ,si atteggiano come fossero machi che più machi non c'è ne, per non parlare degli argomenti che caratterizzano la serata, si passa dalla politica, a chi ne sa di più sui cibi che consumano insieme, ad individuare le peculiaretà della pietanza, anche se non ne capiscono una mazza! Alle femmine ossessive e possessive che caratterizzano l'esito delle loro giornate, allo spettegolare su qualcuno che non è presente,e poi dicono alle donne che amano il gossip!!!!
Avete mai osservato la veemenza che usano durante lo spettegolio!!E' imbarazzante!
Avete mai osservato quando camminano in branco e un esemplare"femmina" incrocia il loro cammino, l'ebetismo che caratterizza la loro espressione?Si guardano negli occhi con un intesa ebetica come per dirsi:"Vedi che io ne capisco più di tutti di donne sigh!"
E nel mondo del lavoro,dove questo esemplare sembra padroneggiare?
Sono in continua competizione con la femmina pur sapendo che essa supera di gran lunga le prestazioni,e proprio questo li fa incarognire di più, della serie "una femmina da abbattere".
La megalomania è quello che li cotraddistingue di più quindi soprattutto quando devono competere con le donne e con i loro rivali in genere.
Mi chiedo riusciranno gli uomini un giorno a evolversi nell'ambiente che li circonda?Riusciranno ad adattarsi all'ambiente senza intaccare il quieto vivere dell'esemplare "Donna"?
Lo scopriremo nei prossimi decenni.

Ella Fitzgerald-A Kiss Goodnight

lunedì 9 marzo 2009

Ma come non ti stai organizzando per andare a festeggiare la festa delle donne!!


Ieri otto marxo festa delle donne,ma che donne?
Credo che aldilà della speculazione e del consumismo,questa festa non apporti nessun elemento migliorativo nella vita quotidiana di certe donne.
Di quelle che con pullman si organizzano per scappare dall'odiato marito possessivo,quelle che organizzano le cene con annesso streap teas di un pallone gonfiato,poverine!!!!
Alla faccia di quelle povere operaie che sono morte per guadagnarsi la pagnotta da portare a casa, e anche di quelle donne che tutti i giorni lottano per conquistare i propri diritti,e che cercano di portare nell'attuale società omofoba elementi che inorgogliscono la condizione femmile. Mi vergogno solo oggi di essere donna, di vedere quelle donne che dovrebbero accostarsi a pensieri di libertà,che si lasciano ammaliare dalla ricerca spasmodica di sfuggire dal quotidiano e dal banale.
Ma domani sono quelle che nella vita reale vanno a compromessi nei posti di lavoro,assoggettate ai padroni e al potere,e quando stanche tornano a casa dopo una lunga giornata di sottomesso lavoro,si mettono ai piedi della poltrona dove le aspetta il marito per aver slacciate le scarpe e messe ai piedi le ciabatte.Povere donne illuse e frustrate non vedrete mai con gli occhi delle vere donne,Comunque buon otto marxo "Donne".

venerdì 6 marzo 2009

Canzone per il Che (Stagioni) - Francesco Guccini (Song for Che Guevara)

Dedico questo post alla fantastica Momma

DA:"Il Processo Di Franz Kafka

Da "Lavori su Kafka","Il Processo-Epilogo"


“[…] negli scritti introduttivi alla Legge è detto a proposito di un tale inganno: davanti alla Legge c’è un custode della porta. A questo custode si presenta un uomo venuto dalla campagna e prega di essere ammesso alla Legge. Ma il custode della porta dice che ora non può concedergli di entrare. L’uomo riflette e poi chiede se potrà entrare più tardi. ‘È possibile,’ dice il custode, ‘ma per ora no.’ Dato che la porta della Legge è aperta come sempre e il custode si fa da parte, l’uomo si china per guardare all’interno attraverso la porta. Quando il custode se ne accorge ride, e dice: ‘Se ti attira tanto , cerca di entrare nonostante il mio divieto. Ma bada: io sono potente. E sono solo l’ultimo dei custodi. Ma sala dopo sala si trovano custodi uno più potente dell’altro. Già la vista del terzo non riesco a sopportarla nemmeno io ’. L’uomo venuto dalla campagna non si aspettava simili difficoltà, la Legge dovrebbe essere accessibile a tutti e in ogni momento, pensa, ma adesso che guarda meglio il custode con suo cappotto di pelliccia, il suo grosso naso a punta, la lunga sottile barba nera alla tartara, decide che è meglio aspettare finché riceverà il permesso di entrare. Il custode gli da uno sgabello e lo fa sedere al lato della porta. Là rimane seduto giorni e anni. Fa molti tentativi per venire ammesso e stanca il custode con le sue preghiere. Spesso il il custode lo sottopone a piccoli interrogatori, gli chiede della sua patria e di molte altre cose, ma sono domande senza partecipazione come le fanno i gran signori e alla fine dice sempre che non può farlo ancora entrare. L’uomo, che per il viaggio si è provveduto di molte cose, sperpera tutto, anche quanto ha di più prezioso, per corrompere il custode. Costui accetta, è vero, ogni cosa, ma contemporaneamente dice: ‘Accetto solo perché tu non creda di aver trascurato alcunché ’. Durante tutti quegli anni l’uomo osserva il custode quasi ininterrottamente. Dimentica gli altri custodi e questo primo gli sembra l’ultimo ostacolo all’ingresso nella Legge. Maledice il caso avverso nei primi anni a voce alta, poi, quando diventa vecchio, brontola solo tra sé e sé. Rimbambisce e siccome studiando per anni il custode ha imparato anche a conoscere le pulci nel suo colletto di pelliccia, prega anche le pulci di aiutarlo a far cambiare idea al custode. Infine la vista gli si indebolisce e non sa se intorno a lui si fa davvero buio o se sono solo gli occhi a ingannarlo. Ma ecco che riconosce nell’oscurità un bagliore, che erompe inestinguibile dalla porta della Legge. Ormai non gli resta molto da vivere. Prima della morte tutte le esperienze di quel periodo si raccolgono in una domanda che finora non ha ancora posto al custode. Gli fa cenno d’avvicinarsi, poiché non riesce più a sollevare il corpo che si sta irrigidendo. Il custode deve chinarsi molto su di lui, perché la differenza di statura si è molto modificata a sfavore dell’uomo. ‘Che altro vuoi sapere adesso ’, chiede il custode, ‘sei insaziabile.’ ‘Tutti tendono alla Legge,’ dice l’uomo, ‘com’è possibile che in tanti anni nessuno oltre a me abbia chiesto di entrare?’ Il custode si accorge che l’uomo è ormai alla fine e per raggiungere ancora il suo udito che si va indebolendo gli urla: ‘Qui non poteva avere accesso nessun altro, poiché quest’ingresso era destinato solo a te. Adesso vado a chiuderlo ’.”
Franz Kafka

Il Processo di Franz Kafka


Nell'appartamento di Joseph K., il protagonista (uno scrupoloso impiegato), si presentano due poliziotti (Franz e Willem) con un ordine di comparizione per un delitto non precisato. Come i due vanno via, Joseph parla dei suo "impiccio" con la signora Grubach, la sua affittuaria, e con la signorina Bursmer, la sua vicina di camera.
In ufficio, Joseph è rimproverato dal suo superiore perché frequenta Irmie, la sua cugina adolescente. Più tardi all'Opera, il giovane è trascinato in un tribunale gremito di folla da un ispettore di polizia e qui discute violentemente col magistrato.
Più tardi lo zio gli fa conoscere l'avvocato Huld, assicurandolo che potrà aiutarlo nella sua questione giudiziaria, ma il famoso avvocato gli spiega che quei processi vengono risolti con sistemi extra giudiziari, con corruzioni ed intrighi e prende tempo, dandosi malato.
Ciò nonostante Joseph non cessa di esperire le vie legali, anche se il contatto con la misteriosa e gigantesca organizzazione giudiziaria – uffici e uffici negli ultimi piani o nei solai di misere case – lo fa sentire sempre più fragile e indifeso. Nel frattempo subisce le avances di Leni, la moglie/segretaria di Huld.
A questo punto della vicenda K. si trova sempre più coinvolto nel meccanismo giudiziario senza sapere il perché, e si dedica con uno zelo, che si traduce ben presto nell'atteggiamento preoccupato del colpevole, ad accelerare la causa.
Ritorna al tribunale vuoto e ha un intermezzo amoroso con Hilda, moglie di uno dei guardiani. Dopo, incontra il guardiano della sala d'udienza, che lo introduce tra una folla di accusati in attesa. Questi lo rimanda da Huld e nel suo ufficio Joseph K. conosce Block, un cliente che è testimone dell'indifferenza e della nascosta impotenza dell'avvocato.
Irritato e scoraggiato, K. decide allora di fare a meno dei servizi di Hascler e convinto da Leni cerca di conquistarsi i favori di Titorelli, un pittore di personaggi famosi, ma l'individuo non gli è di nessun aiuto e K è obbligato a fuggire da una folla di bambine, che invadono lo studio del pittore.
I giorni e le notti di K. trascorrono così sempre più ossessionati dal processo, che incombe come una oscura minaccia sulla sua vita, e nell'immensa città egli avverte la sua solitudine e la sua posizione di accusato, in quanto crede che tutti – al caffè, in ufficio, per le vie – siano al corrente di quel processo: e nei loro occhi legge l'ironia e la condanna.
Poi, un giorno per incarico del suo ufficio si ritrova nel duomo, e lì un prete, il cappellano del carcere, gli racconta l'allegoria dell'uomo che cerca di essere ammesso alla presenza della Legge. In quel momento K. si rende conto che al processo non si sfugge, che un potere sinistro e inconoscibile ha già deciso, e che la condanna e la morte erano già in tutta quanta la trama della sua vita.
Così nel giorno del suo trentunesimo compleanno, vengono a trovarlo due distinti signori in nero, che lo portano in periferia e gli danno un coltello perché si tagli la gola: al suo rifiuto sono loro ad ucciderlo.

L'attesa

Felice Casorati "l'attesa"
Come quando speri che piova e si bagni quell'arida terra. Come quando fai sogni di gioia, ma dentro di te sta scoppiando la guerra. È un'attesa. È un'ansia perenne o solo bisogno che cambi qualcosa. È solo ferita e non è la Morte, e sanguini in vita ma non vivi forte. È agonia sorridere al mondo che di sorriderti finge soltanto. È notte infinita dove i tuoi occhi pregano orientamento. È giorno che non fa luce mai o è buio in cui limpido è solo un momento. Come quando ti svegli al mattino cercando tua madre nel letto, e ritorni bambino. Ti sembra d'avere ogni cosa ma non far altro che attendere. Ed è una straziante ed isterica attesa, una lotta con te e non fai altro che perdere. È Disperazione la tua ma non è smarrire speranza. È amore puro che attende di esplodere. È rosa rara che attende d'essere colta da chi di cuore s'intende.

mercoledì 4 marzo 2009

La Cattiva Strada - F. De Andrè - F. De Gregori

Sos scimmie




A Paternò è allarme scimmie.Due persone sono morte cadendo da un balcone di casa mentre cercavano di sottrarsi all'attacco di un gruppo di primati inferociti.Sembra proprio che quello della presenza massiccia di scimmie in città sia un problema più che contingente, tanto che da mesi la gente dichiara di avere paura ad aggirarsi soprattutto nei parchi della città, pieni di scimmie pronte a dare l'assalto ai passanti, senza risparmiare nemmeno i bambini delle scuole.La città è battuta quotidianamente dagli "accalappia-scimmie" che provano a contenere il fenomeno, ma con scarsi successi. Anzi, sembra proprio che questi operatori, che dovrebbero tenere a bada le scimmie, siano spesso e volentieri le loro vittime preferite.Uno dei casi più eclatanti è avvenuto l'anno scorso, quando un gruppo di babbuini, salito a bordo di uno dei vagoni della stazione di Paternò, aveva seminato il panico tra quanti avevano visto arrivare i grossi animali in mezzo al loro. Del resto le scimmie non si fanno problemi di nessun genere e non hanno limiti riguardo i luoghi da occupare. Non disdegnano le abitazioni private, i centri commerciali e nemmeno gli uffici ministeriali e le scuole. Nelle loro scorribande rubano quello che trovano e distruggono quello che non possono portare con se.
Paternò è in stato di allerta o stiamo regredendo al periodo preistorico?

martedì 3 marzo 2009

La storia di un uomo che reagisce e si ribella alla miseria della condizione umana, divenendo paladino della giustizia sociale.



I miserabili Romanzo di Victor Hugo, capolavoro della letteratura francese baluardo della denuncia contro le miserie dell’umanità.
L’autore iniziò a scrivere questo vasto romanzo (in origine intitolato Miserie) nel 1845. Tre anni più tardi lo interruppe, per riprenderlo nel 1860. L’opera fu pubblicata nel 1862 con il titolo definitivo I miserabili.

Evaso dal carcere di Tolone, dove stava scontando una pena di 19 anni per aver rubato una pagnotta e dopo diversi tentativi di fuga, Jean Valjean incrocia sul suo cammino un vescovo, monsignor Myriel, la cui carità lo convince a cambiare vita. Divenuto un ricco imprenditore di provincia sotto il falso nome di Monsieur Madeleine, promette a una delle sue operaie, la povera Fantine, di prendersi cura della figlia Cosette, che vive nella pensione dei Thénardier dove viene sfruttata senza pietà. L’ispettore Javert, convinto di aver riconosciuto in Madeleine il forzato Valjean, lo costringe a fuggire. Valjean si rifugia a Parigi portando con sé la piccola Cosette. Ma nemmeno nella capitale i due sono al sicuro. Così, anche quando Cosette è ormai cresciuta e si è innamorata di un giovane repubblicano, Marius de Pontmercy, Valjean deve continuare a nascondersi. Scoppiano i moti del 1832 e sulle barricate di Parigi Jean Valjean combatte al fianco del monello Gavroche e di Marius, al quale salva la vita. Javert riconosce il vecchio evaso, ma cade nelle mani degli insorti e si salva solo grazie al coraggio e alla clemenza di Valjean. Incapace di accettare che un carcerato gli abbia salvato la vita, Javert si uccide. Cosette si sposa con Marius e riceve una ricca dote. Valjean, infine libero, può concludere in pace la sua esistenza, ma continuerà a essere ossessionato dalla miseria che ha accompagnato tutta la sua vita.

Il romanzo si articola in cinque parti (“Fantine”, “Cosette”, “Marius”, “Saint Denis”, “Jean Valjean”) e si svolge nella Francia della Restaurazione, dalla battaglia di Waterloo (1815) ai moti parigini del 1832, mescolando la storia dei personaggi con la storia collettiva della nazione. Nei protagonisti di questo grandioso affresco storico e sociale c’è tutta l’umanità che soffre, e che Victor Hugo presenta al lettore analizzando contemporaneamente le ragioni sociali e politiche che possono far precipitare un popolo nella miseria e spingerlo alla ribellione.