Visualizzazioni totali

venerdì 24 luglio 2009

Favola con morale



Un signore va a caccia grossa in Africa e porta con se' il suo cucciolo.
Un giorno, durante una battuta, il cagnolino annoiato si mette a rincorrere una farfalla e, senza accorgersi, si allontana dal gruppo dei cacciatori e si ritrova solo in mezzo alla savana. Ad un tratto scorge un grosso leone che corre veloce verso di lui. Impaurito si guarda intorno e vede poco lontano la carcassa di un grosso animale.
La raggiunge e comincia a leccare un osso. Quando il leone sta per attaccarlo il cagnolino dice a voce alta: "Mmm, che buon leone mi sono mangiato. Me ne farei un altro subito."
Il leone si ferma e sentendo quelle parole pensa: Che razza di animale sara'? E se poi faccio la stessa fine di quello li'?meglio sparire!. Una scimmia cue stava appollaiata su un ramo e aveva assistito a tutta la scena scende dall'albero e dice al leone: "Ma va la', stupido, e' tutta una finta.Quella carcassa era gia' li' da un pezzo. Quello e' semplicemente un cane e ti ha fregato."
Il leone dice alla scimmia: "Ah si? Allora vieni con me che andiamo a trovare quel cane e poi vediamo chi mangia chi!". E si mette a correre verso il cucciolo con la scimmia sulla groppa.
Il cagnolino che aveva sentito tutto si rende conto della vigliaccata della scimmia e atterrito si chiede: "E adesso cosa faccio?" Ci pensa su un attimo poi, invece di scappare, si siede dando le spalle al leone e dice a voce alta: "Quella maledetta scimmia!, Mezz'ora fa le ho detto di portarmi un altro bel leone grasso e ancora non si fa vedere."
A quelle parole il leone incavolatissimo mangia la scimmia in un boccone e il cagnolino fugge mettendosi in salvo.
MORALE: NEI MOMENTI DI CRISI LA FURBIZIA E' PIU' IMPORTANTE DELLA CONOSCENZA.
Cerca di essere furbo come il cane, evita di essere stupido come il leone ma non essere mai tanto figlio di puttana come la scimmia.

6 commenti:

Vittoria A. ha detto...

Ciao! Grazie di esserti legata anche tu al mio blog! Questa favola é una perla di saggezza, mi é piaciuta tantissimo! Grazie di averla postata!E complimenti per il blog!

Cindry ha detto...

Ne conosco veramente tante di scimmie, che però la fanno sempre franca! Speriamo che intervenga la legge della giungla al più presto perchè quella degli uomini mi sembra che non funzioni bene.
Bella favola.

VITA ha detto...

In effetti ci sono fin troppe scimmie che la fanno franca, ma credo ci sarà una legge che interverrà. Sarebbe assurdo se così non fosse.
Torneremo in equilibrio.
ciao

Carlo De Petris ha detto...

Molto bella questa storia, non l'avevo mai letta prima ^_^

Mi sa che prima o poi un giorno la posto anche sul mio spazio :)
Sai per caso il nome dell'autore?

charmel ha detto...

La legge della giungla,è inutile aspettarla è sempre dalla parte delle scimmie,infatti il cagnolino si è salvato da solo,non si è rassegnato ad un epilogo che la dava vinta ai prepotenti di turno.
Carlo pultroppo non sono riuscita a risalire all'autore,lo trovata per caso,facendo una ricerca.

Michiamomari, e ha detto...

MMMMMHHHH... bellissssima la storia..! ma secondo me la morale invece è che , alla lunga, A ESSERE STRONZI CI SI FREGA DA SOLI.
... e un'altra morale intrinseca mi sembra proprio volta all'importanza dell'autostima --- ipse dixit.
bè, cmque grazie, bello il tuo blog, mi sono accodata