Visualizzazioni totali

mercoledì 25 dicembre 2013

La presa del potere


"Ma cos'è la destra cos'è la sinistra", diceva una celebre canzone dell'indimenticato Gaber,"Tutti noi ce la prendiamo con la storia  ma io dico che la colpa è nostra 
è evidente che la gente è poco seria 
quando parla di sinistra o destra". 
La sinistra ad esempio, quando è all'opposizione potrebbe gettare le basi per la campagna elettorale successiva,contrastando le malefatte, se ci sono, della maggioranza (come nel caso del comune di cui faccio parte come cittadina libera da ogni condizionamento ),invece cosa fà? Rimane indifferente alle malefatte ma si rende complice, firmando emendamenti e altre scartoffie,proposte dalla maggioranza e a volte indecenti.
Il governo nazionale idem,d'altronte come si dice dalle mie parti "u pisci feti da testa".
Poi succede che alle volte la sinistra ha la maggioranza,vince la tornata elettorale,con componenti che all'apparenza sono come "il buon pastore"e invece poi si manifestano come i mercenari,perchè?Perchè invece di ripristinare la legalità,dopo una legislatura in cui governa il malaffare,almeno così si pensava,cosa fa la sinistra?
Consapevole delle malefatte consumate,intrise da clientelismo e compravendita di voti in cambio di posti di lavoro,posti di lavoro tolti a chi invece non patteggia il proprio voto sotto le stelle davanti ad una grigliata offerta dalle parti interessate,sapete cosa fà dopo che un azienda decide di riprendere quei lavoratori a tempo pieno al posto degli altri che chiameremo "patteggiatori"'fa pressioni all'azienda di riprendere quei lavoratori rei di essere stati complici di un sistema clientelare,decurtando le ore ai lavoratori onesti.
"L'ideologia, l'ideologia 
malgrado tutto credo ancora che ci sia 
è la passione, l'ossessione 
della tua diversità 
che al momento dove è andata non si sa 
dove non si sa, dove non si sa".

3 commenti:

Carlo De Petris ha detto...

Bentornata!

Non mi è chiaro che fine abbiano fatto i "patteggiatori" in tutta questa italianissima storia. Adesso chi è che lavora, i patteggiatori o gli spiriti liberi?

charmel ha detto...

Gli spiriti liberi lavorano,perchè l'azienda ha preferito così,può essere un caso o è che la ruota gira,i patteggiatori in questo caso sono quei soggetti che pensano che il lavoro non sia un diritto e diventano pedine del potere ,specie nel periodo pre-elettorale,svendono il loro consenso per avere in cambio il lavoro,in questo caso c'è una cosa in più,che i politici locali hanno intimidito i lavoratori,"consigliando di revocare l'iscrizione al sindacato,solo gli spiriti liberi non hanno acconsentito,perdendo il lavoro.

http://club.quotidiano.net/lasupposta_politicalscorret/paterno_catania_e_iniziato_oggi_il_processo_per_la_gestione_dei_servizi_sociali.html

http://www.qtsicilia.it/la-politica/34-la-politica/236-paterno-condannato-giovanni-leone-forza-italia-a-volte-anche-i-prepotenti-piangono.html
grazie carlo per la visita e auguri.

charmel ha detto...

Ops..dimenticavo carlo,i patteggiatori sono a casa perchè chi le proteggeva o è stato arrestato o è decaduto.