Visualizzazioni totali

martedì 23 marzo 2010

Considerazioni


Ma la verità forse era questa: che nella mia libertà sconfinata, mi riusciva difficile cominciare a vivere in qualche modo. Sul punto di prendere una risoluzione, mi sentivo come trattenuto, mi pareva di vedere tanti impedimenti e ombre e ostacoli.
Ed ecco, mi cacciavo, di nuovo, fuori, per le strade, osservavo tutto, mi fermavo a ogni nonnulla, riflettevo a lungo su le minime cose; stanco, entravo in un caffè, leggevo qualche giornale, guardavo la gente che entrava e usciva; alla fine, uscivo anch'io. Ma la vita, a considerarla così, da spettatore estraneo, mi pareva ora senza costrutto e senza scopo; mi sentivo sperduto tra quel rimescolìo di gente. E intanto il frastuono, il fermento continuo della città m'intronavano.
“Oh perché gli uomini,” domandavo a me stesso, smaniosamente, “si affannano così a rendere man mano più complicato il congegno della loro vita? Perché tutto questo stordimento di macchine? E che farà l'uomo quando le macchine faranno tutto? Si accorgerà allora che il così detto progresso non ha nulla a che fare con la felicità? Di tutte le invenzioni, con cui la scienza crede onestamente d'arricchire l'umanità (e la impoverisce, perché costano tanto care), che gioja in fondo proviamo noi, anche ammirandole?”

1 commento:

Carlo De Petris ha detto...

Bello Pirandello :)

Però sulle "macchine" non sono d'accordo mica con lui XD
Da bravo ingegnere dell'automazione posso affermare che le macchine non servono tanto per "fare le cose che fa l'uomo" ma piuttosto per dare modo all'uomo di avere più tempo per fare cose "elevate", lasciando i compiti più ingrati, usuranti, ripetitivi e noiosi a stupidi schiavi senzienti e perfetti, le macchine appunto :)